DEF – Bertacco (FdI): “Testo deludente per non scontentare Lega e M5S”

0

“Meno tasse, incentivi per le nuove assunzioni, sgravi fiscali per le aziende che intendono assumere i giovani. Doveva essere questo il filo conduttore della manovra, invece, anziché pensare al mondo della produzione e aiutare le imprese a creare occupazione per generare un incremento dell’offerta lavorativa, si è preferito impegnare 10 miliardi per il reddito di cittadinanza, un mero intervento assistenziale e che non potrà partire subito o almeno fino a quando non saranno riorganizzati i centri dell’impiego”. Così il senatore di Fratelli d’Italia, Stefano Bertacco, nel corso del suo intervento in Aula a Palazzo Madama sulla Nota di aggiornamento al Def.
“Il documento presentato oggi è il frutto del contratto di governo e di conseguenza è un testo molto mediato, realizzato per non scontentare nessuno dei due contraenti, ma che deluderà purtroppo molti italiani. Fratelli d’Italia si auspicava un intervento più incisivo sulla Flat tax e molto più coraggio nel settore delle pensioni. E soprattutto che la quota 100 tenesse conto della sostanziale differenza tra pensione sociale e minima. Invece nulla di tutto questo, così come su due misure importanti e dal grande impatto sociale come il dopo di noi ed i caregiver, su cui è calato un triste silenzio. Rimane al momento soltanto una certezza per gli italiani: il peso di un maggiore debito pro capite” conclude il senatore di FdI.

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: