Il Premier Renzi: “Mercoledì abbasseremo le tasse”

0

 

Per la legge elettorale e’ la volta buona: “E’ a una passo dal traguardo, domani si chiude al massimo martedi’ mattina”. Lo ha detto il premier Matteo Renzi a ‘Che tempo che fa’. Sulla parita’ di genere “se si trova un accordo comune sono contento”, ha aggiunto. La parita’, ha spiegato, “non credo che si affermi con un provvedimento legislativo. Alle donne che dicono ‘o parita’ di genere o niente’ rispondo che la parita’ vera e’ quando una donna non prende meno di un uomo facendo lo stesso mestiere”. Renzi ha ribadito: “Rischio l’osso del collo. O cambio il Paese o cambio mestiere”. Quindi ha poi annunciato: mercoledi’ “arrivera’ il taglio delle tasse, anche se non ci crede nessuno”. “Stiamo mettendo delle date ed e’ un rischio pazzesco”, ha aggiunto “e ci impegniamo a tagliare le tasse di 10 miliardi di euro”.

Senato - Fiducia governo Renzi
Oggi la Cgil ha annunciato di essere pronta alla mobilitazione se il governo non ascoltera’ le richieste del sindacato.
 “Ascoltiamo tutti ma quello che c’e’ da fare lo sappiamo e lo faremo pensando ai cittadini – risponde il premier a ‘Che tempo che fa’ -. Ascoltiamo Confindustria e Cgil, Cisl e Uil ma decidiamo noi”. Poi ha aggiunto: “Non e’ un derby”. “Quando chiediamo a tutti di fare dei sacrifici, lo diciamo anche i sindacati che devono mettere on line le loro spese, la musica deva cambiare per tutti”, ha aggiunto. E se in alcune decisioni, il governo dovesse avere i sindacati contro, “ce ne faremo una ragione”. Susanna Camusso ha accusato Renzi di essere attratto dal culto della parsonalita’. “Se e’ vero, e’ una delle cose piu’ carine che ha detto negli ultimi anni”.

“Un governo deve partire dalle cose piu’ importanti e non si puo’ non partire dai luoghi dove ci sono i nostri ragazzi, le scuole”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi, a ‘Che tempo che fa’. Il premier ha aggiunto di aver “chiesto aiuto a Renzo Piano, ci vediamo giovedi'”. “Vorrei dare un messaggio di serenita’ – ha sottolineato – e fare polemica perche’ il capo del governo va nelle scuole credo sia un errore. Credo ci sia un pregiudizio di politici e di non politici come Grillo che ci vorrebbero nei palazzi. Diciamo: bene alla stabilita’ dei conti, pero’ c’e’ una stabilita’ piu’ importante che e’ quella delle aule dei nostri figli. Dire che si fa per il culto della personalita’ e’ una cosa ridicola”. (fonte: agi)

No comments

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: